Corviale
Corviale

Progetto Nautilus

Centro diurno a bassa soglia per alcolisti e tossicodipendenti

Progetto Nautilus - Acquario 85
Progetto Nautilus - Acquario 85

 Il Centro Nautilus è attivo sul territorio da circa 10 anni e si avvale dei Fondi Nazionali per la Lotta alla Droga destinati alla prevenzione primaria e secondaria delle tossicodipendenze.

 Il Centro Nautilus risponde al modello della Riduzione del Danno, teso al miglioramento della qualità della vita del tossicodipendente.

Attraverso l' accoglienza in un ambiente confortevole, l’utente ha la possibilità di prendersi cura della sua persona, provvedendo alle pulizie personali e ad una corretta alimentazione con pasti caldi completi.


Il progetto prevede la riduzione dei danni provocati dall’uso di sostanze psicotrope attraverso la dotazione di materiali di profilassi, di scambio e di una aggiornata informazione sui danni e le infezioni opportunistiche correlate alla condotta di vita tossicomanica. Viene svolta, inoltre, un'attività di informazione ed orientamento rivolta agli utenti sui Servizi sociosanitari di zona; è prevista un' attività di segretariato, che prevede un lavoro di collegamento con gli altri servizi territoriali, al fine di programmare l’evoluzione dell’accoglienza dell’utenza. Vi è documentazione dettagliata di ogni informazione riguardante il lavoro svolto all’ interno del Centro Diurno relativa alla contabilità, all’orario degli operatori, al materiale fornito, al materiale scambiato, ai giorni e orari delle riunioni di servizio e/o supervisione.

Vengono svolti dei gruppi ad hoc tenuti da un operatore psicologo esperto nella riduzione dei rischi associati alla tossicodipendenza. Tramite il lavoro di gruppo si cerca di aumentare la consapevolezza e di fornire maggiori conoscenze teoriche e pratiche sulla prevenzione della morbilità e mortalità. Vengono distribuite fiale di Narcan e le informazioni necessarie sul loro utilizzo come salvavita. Inoltre sono tenuti specifici corsi di I° soccorso e rianimazione.

Il modello organizzativo è reversibile e duttile al cambiamento: sono previste riunioni periodiche di gruppo tra operatori e con Supervisore esterno. 

Viene promossa l'attivazione dei modelli di rete tramite: contatti diretti e/o telefonici, opuscoli divulgativi, articoli e interviste in riviste e giornali, utilizzo della posta elettronica, del fax ecc. ‘E già stato attivato un servizio di consulenza legale e di aiuto per le pratiche burocratiche: tale servizio nel presente progetto è previsto in incremento. Prevediamo il massimo della visibilità e del coinvolgimento all’interno del programma delle  realtà  territoriali sia pubbliche che private. Verranno svolte delle attività ergoterapiche per un sano utilizzo del tempo da parte dell’utente ed un coinvolgimento nella vita micro-comunitaria. 

La popolazione bersaglio è quella degli alcolisti e dei tossicodipendenti attivi, in trattamento presso il sert o non afferenti ad alcun Servizio. Verrà, infine, svolta un'attività di invii e di segnalazione ai Servizi, svolte dalle Unità di Strada per Tc. presenti sul Territorio.

 

Effetti attesi: riduzione del dell’incidenza del consumo di sostanze psicotrope. Aumento delle persone che afferiscono ai Servizi. Riduzione dei comportamenti a rischio. Incremento della rete tra i servizi socio-sanitari presenti sul territorio.